18 luglio 2016 |

Ricetta delle cozze ripiene al sughetto, la più buona con le cozze nere

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
2 persone
10 minuti
Facile

Ingredienti

  • 1 Kg di cozze già pulite e chiuse
  • 2 uova
  • 2 panini raffermi
  • pepe nero
  • sale
  • un bicchiere di latte
  • un mazzetto di prezzemolo fresco
  • olio extravergine di oliva
  • 500 cl di passata di pomodoro
  • 250 gr di polpa di pomodoro
  • 1/2 cipolla bianca
  • una costa di sedano
  • uno spicchio di aglio


Guarda anche:

Vi presentiamo la ricetta delle cozze ripiene al sughetto di pomodoro, probabilmente la più buona ricetta con le cozze nere mai inventata. Ecco come si fa.

Ricetta

In una casseruola a bordi alti preparate il sugo, facendo colorare la cipolla affettata, lo spicchio di aglio e il sedano sminuzzato; aggiungete la polpa e poi la passata e fate cuocere per 45 minuti, poi salate.

Preparate le cozze ripiene:

  1. Mettete in ammollo con acqua e latte i panini raffermi e fateli ammorbidire
  2. Strizzate bene il pane in una coppa a bordi alti e aggiungete le uova, il pepe, il prezzemolo tritato e se occorre del pan grattato per rendere l’impasto duro
  3. Aprite tutte le cozze con un coltello in modo da avere il mollusco su entrambi i gusci interni; mentre pulite le cozze conservate l’acqua interna che verserete nell’impasto; tenete le cozze aperte su un piatto largo
  4. Impastate bene gli ingredienti e quando avrete un impasto nè troppo sodo nè troppo morbido fate della palline che inserirete in ogni cozza. Chiudete le cozze e avvolgetele in del cotone da cucina o da cucito
  5. Legate bene ogni cozza ripiena e immergetele nel sugo di pomodoro a fiamma bassa facendo in modo che siano tutte coperte. Se il sugo vi sembra poco, portatelo ad ebollizione con altra acqua
  6. Fatele cuocere 10-15 minuti a fiamma bassissima
  7. Spegnete ed estraete le cozze ripiene soprattutto se volete usare il sugo per condire la pasta, oppure servitele direttamente con pane e sugo in piatti fondi.

Poi, fateci sapere com’erano!

Leggi anche:

Potrebbe interessarti anche