18 agosto 2016 |

Dolci con ricotta: le Pardulas sarde, che buone!

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
10 persone
2 ore minuti
Media

Ingredienti

  • 1 kg di ricotta di pecora
  • 2 Uova
  • 600 grammi di Farina 00
  • 1 Vanillina
  • 2 bustine di Zafferano
  • 100 grammi di Zucchero
  • 1 Lievito per dolci
  • buccia di limone grattugiata
  • buccia d'arancia grattugiata
  • 2 pizzichi di sale
  • 100 grammi di strutto a temperatura ambiente
  • 220 grammi di acqua

Le pardulas sono un dolce tipico sardo che si fa con la ricotta di capra. Una delizia da preparare per sorprendere gli ospiti!

Ricetta

  1. Per prima cosa preparate la frolla: mettete in una ciotola 500 gr di farina, un pizzico di sale, lo strutto e l’acqua e iniziate ad impastare. Lavorate l’impasto energicamente fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Avvolgete il panetto con la pellicola e lasciatelo riposare per circa trenta minuti in frigorifero
  2. Nel frattempo preparate il ripieno, mettete in una ciotola la ricotta con le uova, lo zucchero, i 100 gr di farina restante, la vanillina, lo zafferano e la buccia dell’arance e del limone grattugiati, il lievito e il pizzico di sale. Amalgamate il tutto fino ad ottenere un composto cremoso ma non liquido, con il quale dovrete riuscire a realizzare delle palline del diametro di 6 cm, che disporrete poi in un vassoio foderato con carta forno
  3. Prendete la pasta e stendetela formando una sfoglia di 3 mm e con un coppa pasta ritagliate dei cerchi con un diametro di 8 centimetri circa. Mettete all’interno di ogni disco una pallina di ripieno e chiudete i bordi pizzicando i lati per cinque volte
  4. Disponete le Pardulas su una teglia da forno foderata con carta forno e cuocete in forno preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti. Sfornate e lasciate intiepidire
  5. Se volete lucidare la superficie preparate dello sciroppo, sciogliete lo zucchero nell’acqua, portate ad ebollizione e fate cuocere per tre minuti circa. Spennellate lo sciroppo sulla superficie di ogni pardula e servite.

Potrebbe interessarti anche